Le News di M&B Consulting

Tutte le Novità nel campo Immobiliare

Accertamenti bancari: le scritture contabili regolari non salvano il contribuente

Non basta dichiarare un reddito congruo con gli studi di settore o una contabilità formalmente regolare

accertamento

La recente Sentenza n. 6947/2017, emessa in data 17 marzo 2017 dalla Corte di Cassazione, ha ribadito un principio fondamentale nell'ambito degli accertamenti fiscali: a fronte dei versamenti transitati sui conti correnti intestati al soggetto passivo d’imposta, è il contribuente a dover dimostrare che le somme ivi accreditate siano regolarmente confluite nella dichiarazione dei redditi.

Nell’attuale contesto normativo di riferimento (cfr. articolo 32, primo comma, n. 2 del D.P.R. 600/1973), gli Enti Impositori possono infatti invitare i contribuenti, indicandone il motivo, a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti, per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell’accertamento nei loro confronti, anche relativamente ai rapporti ed alle operazioni bancarie acquisiti da parte degli Uffici finanziari; inoltre, per espressa disposizione normativa, i dati e gli elementi attinenti ai rapporti ed alle operazioni bancarie acquisiti da parte dell’Amministrazione Finanziaria, possono essere posti a base delle rettifiche e degli accertamenti, come maggiori ricavi, qualora il contribuente non dimostra che ne ha tenuto conto per la determinazione del reddito soggetto ad imposta ossia che non hanno rilevanza allo stesso fine.

Le entrate finanziarie non giustificate, transitate nei conti correnti bancari intestati al contribuente, rappresentano, salvo prova contraria, maggiori ricavi imponibili che rettificano il reddito del soggetto passivo d’imposta.

Ciò posto, anche nella duplice ipotesi della corretta tenuta della contabilità e della apparente congruità del reddito imponibile, scaturente dall’applicazione degli studi di settore, non si realizza una traslazione dell’onere della prova in capo all’Ufficio: la Suprema Corte, infatti, ha rilevato che, in materia di accertamenti bancari, l’orientamento consolidato espresso nel tempo proprio da parte del giudice di legittimità ritiene che, a fronte dei versamenti effettuati dai lavoratori autonomi e dai professionisti sui propri conti correnti, scatti la presunzione legale relativa con il correlato onere della prova in capo al contribuente ispezionato.
Risultano del tutto irrilevanti, pertanto, tutte le altre circostanze, ovvero che il contribuente avesse dichiarato un reddito congruo con gli studi di settore o che la sua contabilità fosse formalmente, ma non sostanzialmente (come attestava l’accertamento bancario) regolare, ivi compreso, l’utilizzo delle ricevute bancarie come forma di pagamento delle fatture emesse.

---
A cura del Dott. Commercialista STEFANO CANNONI

Studio CM Associati - Dottori Commercialisti Revisori Legali

Sede di Merate (LC): Viale Verdi 59
Tel. +39-039-59.69.610- fax +39-031.27.48.058

Sede di Como (CO): Via Giovane Italia n. 9
Tel. +39-031-52.33.44- fax +39-031-27.48.058

Sede di Milano (Mi): Via g. B. Morgagni  n. 6
Linea Rossa M1 – Fermata LIMA


 Sito: www.studiocm.eu
Vota:
Allarme Fiaip, sempre più pensionati scappano dall...
Asolo, il sindaco vieta le piscine private

Nuovi Articoli

«Non è ancora il momento di cedere a facili allarmismi». Parola di Ivano Cresto, Responsabile mutui di Facile.it Ad avere più paura delle possibili conseguenze della «febbre» dei rendimenti dei titoli di Stato sono i residenti nel Sud e nelle Isole....
Denuncia affitto in nero senza prove: se l’Agenzia delle Entrate non ha documenti scritti non può contestare l’evasione fiscale. L'ha stabilito la sentenza n. 7750/18 della Commissione Tributaria Regionale del Lazio ...

Articoli Più Letti

Le News Immobiliari di M&B Consulting
La dichiarazione precompilata è già online sul sito dell'Agenzia delle Entrate. Sarà editabile dal prossimo 2 maggio.  I compensi pagati a soggetti di intermediazione per l'acquisto di un immo...
La Rubrica del Commercialista
Consentiranno di posizionare il livello di affidabilità fiscale dei contribuenti su una scala da 1 a 10 Ai contribuenti più “affidabili” sarà concessa la semplificazione degli adempimenti fiscali, l...

Dicono di noi

Facebook Page

L'Esperto Risponde

Compromesso
Salve. Sto per fare un compromesso per un immobile 20mila euro subito e 4 mila e...
290 Visite
0 Voti
Postato il Giovedì, 06 Settembre 2018
Vendita a prezzo maggiorato
Buongiorno ho aquistato la prima casa 2 anni fa, ed ora volevo venderla ad un pr...
534 Visite
0 Voti
Postato il Lunedì, 04 Giugno 2018
Come si procede per formalizzare una usucapione?
Buongiorno Come si procede per formalizzare una usucapione?...
588 Visite
0 Voti
Postato il Lunedì, 21 Maggio 2018